E' con grande piacere che ci apprestiamo a descrivere le caratteristiche acustiche di un violino realizzato dal liutaio cremonese Luca Pasquetto. Pasquetto si e' diplomato alla scuola internazionale A. Stradivari di Cremona nel 1981 sotto la guida della Maestra Vanna Zambelli. Si e' specializzato per un anno nella bottega del i Maestro Francesco Bissolotti e per due anni nella bottega di Romana D'Amico. Ha sviluppato una notevole esperienza poiche' effettua la manutenzione degli strumenti dell'orchestra Vincenzo Bellini di Catania e il restauro per il Museo degli strumenti musicali di Roma. Dal 1987 collabora attivamente con la bottega Bissolotti. Ha ottenuto il secondo posto alla triennale del 1988 nella categoria violoncelli, il terzo e il settimo nella categoria violini della triennale del 1994 e il secondo ex aequo nella categoria violoncelli alla triennale del 1997. Pasquetto alterna attivita' di costruzione e restauro, il suo lavoro si caratterizza per una notevole precisione, costruisce utilizzando esclusivamente il metodo della forma interna. Grazie alla bravura e alla disponibilita' della violinista bresciana Daniela Sangalli abbiamo realizzato la ventesima registrazione della nostra rassegna allo strumento che il Maestro di Casaletto Ceredano ha costruito nel mese di giugno del 2013. Pasquetto ha utilizzato: abete dolomitico per la tavola armonica ed acero bosniaco dalla venatura stretta e marezzatura media . La verniciatura, come di consueto per il liutaio cremonese, e' a base oleosa in questa occasione di un bel colore ambrato. Durante la registrazione, durata circa quaranta minuti, Daniela Sangalli ha suonato due brani di Giovanni Battista Lulli e due brani di J.S. Bach. L'Adagio della Sonata n.1 in sol minore e' a nostro avviso il brano ideale per evidenziare le straordinarie doti del violino. Lo strumento ha dimostrato dalle prime note un carattere ben preciso. E' piaciuto molto il timbro, particolarmente ricco di armonici ed immediatamente riconoscibile. La voce calda e matura unita alle doti di potenza e dinamica e alla facilita' d'uso con la quale la violinista bresciana ha suonato fanno di questo violino uno strumento eccellente.